PROGETTO

ABITARE LO SPAZIO DELL’IRONIA

Indubbiamente l’Istituto Costante GRIS nato per accogliere bisognosi, alienati, malati, con il suo parco centenario e la sua villa ha un posto preciso nel cuore dei moglianesi, adatto ad accogliere una rassegna teatrale denominata SANI DA LEGARE.

Da sempre Mogliano Veneto è abituata convivere con i pazienti del Gris. Li vede per strada, nelle piazze, alcuni sono ormai personaggi dell’immaginario collettivo. E quindi in questi due giorni di Festival tutti noi vogliamo viaggiare tramite varie forma d’arte in sentieri sconosciuti del travestimento, della maschera, attraverso i più deboli – esattamente come nella volontà dell’Ing. Costante Gris – assolutamente coscienti che la normalità fa fatica ad affrontare la guerra, le migrazioni, gli sconvolgimenti sociali ed economici.

La rassegna parte dal desiderio di ricordare la straordinaria e generosa presenza di Dario Fo lo scorso luglio 2016 sul nostro territorio, e segue un filo rosso di sana pazzia assolutamente indispensabile perché la nostra paura e rabbia diventino rivoluzione e cambiamento collettivo. Gli spettacoli avverranno in un tendone da circo, simbolo di estrema leggerezza, ma rivivremo invece un Ruzante che affronta, da contadino, un cardinale (in prima nazionale, con Mario Pirovano), e un Gesù bambino simbolo di tutti i “palestina” ghettizzati ancora oggi (con l’attore Ugo Dighero). Il contemporaneo dissacratorio ci verrà presentato da Jacopo Fo e Beppe Mora, il coraggio di narrare con la freschezza della Graphic Novel sarà presente con le edizioni Becco Giallo e non mancheranno mostre fotografiche e filmati. Tireremo tardi tra un buon prosecco un finger food per arrivare al fresco della notte grazie al Circo Patuf e ad una commedia sulla coppia che fa ridere e piangere ancora oggi.

Noi il posto per un convivium piacevole e culturalmente stimolante ve lo offriamo. A voi abitarlo!

 

Marina Salvato

coordinatrice festival SANI DA LEGARE